The Walking Sad

walking-dead-logo-hd-free-112174-770x470.jpg

Non potevo esimermi dallo scrivere almeno un post sulla questione The Walking Dead. Comincio subito con il dire che cercherò – per quanto possibile – di evitare spoiler troppo plateali visto e considerato il breve lasso di tempo intercorso tra l’uscita dell’episodio e di questo articolo. L’hype precedente alla settima stagione era tanto, quasi un anno passato a costruire congetture, dare vita a teorie complottistiche, possibili sbocchi narrativi, comparazioni tra serie TV e fumetto, disperazione, impazienza, distruzione neuronale di massa e iperventilazioni varie. Il tutto scaturito dall’inquietudine di non sapere chi sarebbe stata la vittima sacrificale del cattivone di turno. Ammetto di aver detto, durante il finale di stagione della sesta: “Non riusciranno mai a farmi odiare Jeffrey Dean Morgan, qualunque cosa faccia. Non mi avranno MAI!”

Continuo di certo ad amare l’attore, forse anche più di prima dopo la sua magistrale interpretazione di Negan. Una crudeltà profonda e lucida, non mossa dall’istinto cieco, dalla vendetta irrazionale. Una cattiveria ragionata, estremamente precisa seppur caotica e sanguinosa come poche viste prima d’ora. Si parla in questi giorni di “eccessiva violenza”, di “immagini troppo forti” e mi viene da dire: si chiama The Walking DEAD, è una serie horror/splatter sull’apocalisse zombie, l’avete criticata fino ad ora perché era diventata moscia e ora vi lamentate di nuovo? Non vi va mai bene niente.

solounozombie
(Se qualcuno conosce l’autore di questa vignetta mi comunichi il nome nei commenti!)

Sorvolando sulle chiacchiere da bar direi che sono pienamente soddisfatta dell’episodio seppur distrutta dentro (la mia anima sta ancora disperandosi piangendo lacrime amare), credo sia stata LA puntata più pesante, cruda, vera, reale, dell’intera serie. Quel che più mi fa male non è il sangue, lo splatter, i pezzetti di cervello sparsi per strada, il dolore della mancanza, dell’abbandono, della morte. Ciò che più mi fa male è vedere come uno show televisivo possa mettere in scena in maniera così impeccabile e dolorosa l’animo umano. TWD era cominciata come una serie di zombie, morsi mortali, rumori molesti e spaventi al cardiopalma. Ciò che TWD rappresenta in questo momento è invece un ritratto impietoso e preoccupante della natura umana, non zombesca, non animale, non mostruosa. Semplicemente umana. Fin dove un uomo (inteso come termine inclusivo e vago) può spingersi per proteggere ciò che possiede, per difendere se stesso, per difendere il proprio territorio, la propria famiglia, la propria parte?

Questo mi fa paura. Il sangue freddo, la superiorità da affermare, da conquistare, da guadagnare e da mantenere, la legge del più forte che vince, sempre, anche tra animali razionali che riescono a provare emozioni. Anche tra persone con un cervello che funziona, non tra zombie lobotomizzati in cerca di carne umana. Questo è adesso TWD, la serie zombie più umana di sempre, dove i mostri sotto al letto hanno smesso di fare paura da un po’ e quel che davvero ci spaventa e ci atterrisce è la presenza di altri sopravvissuti. Anime spezzate e inclini alla tortura volontaria, consapevole. Se mai arrivasse un’apocalisse zombie ora sapremo da chi e cosa guardarci con attenzione.

Che poi in realtà lo sapevamo anche prima ma, come dimostrano alcuni degli ultimi accadimenti del mondo reale, preferiamo coalizzarci contro il nemico comune, quello dipinto secondo caratteri di mostruosità, l’alienato, il βάρβαρος, piuttosto che ammettere che la mela marcia non cade mai troppo lontana da noi.

 

PS: Bella ripresa comunque per una serie che negli ultimi tempi cominciava un po’ a perdersi e a diventare stantìa. Addio ad un altro dei miei preferiti, dunque. Grazie AMC, non ne avevamo avuto abbastanza T_T

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...