Melody Clues: Foschia.

13765813_819804824786419_2259385226126350077_o
I Foschia.

Ci sarà sempre qualcuno che suona, da qualche parte in giro per la città,
ci sarà sempre qualcuno che riempie l’aria di musica, bella o brutta che sia,
in uno degli infiniti angoli del mondo. E se proprio, in accordo con la legge dei grandi numeri, mi doveva capitare di rimanere stupita da uno o più agenti dell’arte, nascosti in una sera calda di agosto, sono stata felice di essermi imbattuta nei Foschia.

Chi sono? A spiegarlo c’è il rischio di perdersi un po’.

Posso dire che Foschia è una band, su questo non ci piove, composta da cinque giovani musicisti di talento. Posso dire che il loro entusiasmo è contagioso, che i loro pezzi sono tanto particolari, tanto originali, non solo suonati ma anche interpretati. Il fatto è che a dirlo mi sono già annoiata. Vediamo se riesco a fare di meglio: alcune delle loro canzoni potete trovarle sulla loro Pagina Facebook ma oggi voglio fare un piccolo viaggio con “Ombre Scure alla Stazione”  e cercherò di portarvi con me.

Ascoltare i Foschia è come camminare lungo un marciapiede risicato dentro uno dei vicoli bui della Rossa in una notte senza luna. Scontato? Forse.

Ascoltare i Foschia somiglia un po’ a quel momento in cui ti guardi indietro e tutto dentro di te ti urla di lasciar perdere perché non ne ricaverai altro che dolore. E tu guardi, con il sorriso sulle labbra, e ascolti, piano piano, senza fretta. Troppo iconico? Può darsi.

Ascoltare i Foschia non lo si fa soltanto con le orecchie. Lo si fa con la pelle, con le mani e con i piedi che non smettono di battere tempi, sincopi, asimmetriche metriche serrate di rock su strascichi inaspettati di blues. Lo si fa con la distrazione di chi si arriccia i capelli con le dita per un’ossessione incontrollabile perché ormai è altro da sé, pura musica. Lo si fa con l’attenzione di un artigiano del suono, pronto ad indovinare la prossima nota, il prossimo assolo. E in entrambi i casi è fottutamente divertente.

Ascoltare i Foschia significa storcere un po’ il naso per l’enfasi fin troppo teatrale delle voci: ti spinge a pensare a qualcosa di vagamente vicino al Teatro degli Orrori, qualcosa che però non ne conserva lo stesso profumo. E ti porta all’inevitabile conclusione che vorresti e dovresti arrabbiarti ma tutto ciò che riesci a fare è sorridere, perché – porco giuda – questi non hanno nemmeno diciotto anni e già tentano nuove corde, corde difficoltose, insidiose, già sperimentano più di quanto non abbiano fatto le 456789 boy band nate e morte negli ultimi 15 anni. Forse non riuscendoci appieno ma comunque levigando, aggiustando a piccoli passi, a piccoli morsi.

Perché ascoltare i Foschia significa anche accettarne l’età, i limiti, le imprecisioni. Ascoltare i Foschia significa affezionarsi ad un materiale grezzo ma affascinante, non ancora raffinato eppure pronto a diventare qualcosa di estremamente bello.

Ascoltare i Foschia, sentirne la passione, la vitalità e la potenza, significa anche rimanere incantata ad osservare i loro fan con l’occhio attento e alticcio di una novella Sick Girl scozzese, nonché ex adolescente ribellina e nostalgica più di una canzone di Guccini. Significa sentirsi piena d’orgoglio per una generazione che non è completamente da buttare, significa ricordare, con il cervello stracolmo di emozioni contrastanti, che un tempo eravamo anche noi come loro, esaltati e pronti a pogare, e che forse non siamo mai cambiati. Significa restare imbambolati e felici a godersi lo spettacolo di un gruppo di giovani professionisti, teneramente fuori controllo, che esprimono sé stessi su musiche fosche, cupe e inquietanti quanto un campo di grano con corvi lasciato al pennello di Messieur Van Gogh.

Annunci

5 pensieri su “Melody Clues: Foschia.

  1. in serata li ascolto… il tuo articolo invita e intriga a farlo
    buona domenica, Malachina

    ps: mi piace molto l’immagine della danzatrice con le mani/rami accanto al nome del tuo sito
    si si!

    1. Sei sempre gentilissima. Mi fa piacere di aver suscitato un certo interesse, sono giovanissimi ma se lo meritano!
      L’immagine è una delle mie grafiche di un po’ di tempo fa, quelle che vendo su Redbubble ;) Sono contenta che ti piaccia anche se proprio oggi volevo sostituirla con un altro mio disegno xD Un segno del destino, la cambierò un’altra volta!
      Buona domenica a te, Erospea :*

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...