Ossessioni Seriali #3 | High rank – GOT (5×04)

gotbanner

Ciao belli!
Mi sono fatta un po’ attendere ma sono tornata più in forma che mai per commentare insieme a voi le scene più belle della quarta puntata della quinta stagione di Game Of Thrones, The Sons of the Harpy.
Prima però vi segnalo Lord Gourmet su youtube che, con alcuni suoi amici, segue e commenta in diretta ogni mercoledì la puntata di GOT sul suo canale: non perdetevelo! Di tanto in tanto potrebbero esserci dei piccoli spoiler per i non lettori ma tutto sommato vale la pena di passare un’oretta settimanale insieme a loro :) Per ricevere ulteriori informazioni sui link delle dirette e gli orari (o anche soltanto se siete fan della serie) vi invito a controllare all’interno del gruppo GOT Italy Addicted su Facebook!

[ Comunicazione di servizio: compatibilmente ai miei impegni fuori dal web, cercherò di scrivere un racconto breve che prenda un po’ le distanze dal genere creepy e si butti su qualcosina di più realistico e meno horror. Se proprio l’ispirazione non dovesse arrivare vi beccherete il mostro peggiore che avrete mai avuto modo di vedere nei vostri incubi. Con affetto.]


ATTENZIONE: CONTIENE SPOILER SULLA QUINTA STAGIONE DI GAME OF THRONES (EP4)

Andiamo dunque ad analizzare e riguardare le nostre tre scene clou di Sons of the Harpy – 5×04:
si, di norma dovrebbero essere una epica, una divertente e una a tema feels. Oggi però ne avremo due tristi e l’ultima sarà la ciliegina sulla torta. Non odiatemi, ho dovuto.

1 – Jon remembers:
Siamo alle solite: Melisandre incontra un bel ragazzo e subito le sale la scimmia, non c’è niente da fare. Ritenta con le sue note doti – spogliandosi e lasciando che il prescelto di turno si bei delle sue grazie sia con la vista che con il tatto – di sedurre l’onorevole Jon Snow. Cerca di convincerlo a possederla per dar vita ad una nuova ombra, a combattere al fianco del suo unico re, Stannis, nella liberazione di Winterfell, cerca di smuoverlo insomma da quel suo torpore imperituro che gli impedisce di vivere una vita accettabile (e soprattutto di cambiare espressione: Jon Snow non è mai felice, Jon Snow è nato con la tristezza nel cuore). Dopo un po’ di tira e molla sembra quasi che la donna rossa sia riuscita a convincerlo ma ecco che il nostro guardiano della notte tira fuori una delle peggiori frasi che potesse dire, per lo meno dal punto di vista di una psicopatica emotiva come me. Ovviamente viene tirata in ballo Ygritte e la conversazione si svolge più o meno così:

Melisandre: The dead don’t need lovers, only the living.
Jon Snow: I know. But I still love her.

Sono rimasta senza parole quando l’ho sentito e tutt’ora non saprei cosa dire. Solo tanti, tanti, tanti feels. Con la pala.
In più la scena si conclude con Meli che, misteriosamente, riporta a Jon le stesse parole della sua bella defunta ovvero: you know nothing Jon Snow. UHM, sono ancora confusa in merito.

1 – Not kidding with Sand Snakes:

sandsnakes
Le tre vipere della sabbia (di cui vi lascio un’immagine esplicativa, visto il loro essere nuove nella serie) vengono reclutate da Ellaria, furibonda e in cerca di vendetta per la morte di Oberyn. Sia Tyene che Nymeria sono favorevoli, così come Obara la quale, prima di mettere in chiaro la sua propensione per le maniere forti trafiggendo con una lancia la testa del traditore che ha permesso a Jaime Lannister di fare il suo ingresso a Dorne, si profonde in un racconto toccante di come Oberyn le permise di diventare quel che è ora (ovvero una guerriera super cazzuta).

Obara: When I was a child, Oberyn came to take me to court.
I’d never seen this man, and yet he called himself my father.
My mother wept, said I was too young, and a girl.
Oberyn tossed his spear at my feet and said:
“Girl or boy, we fight our battles. But the Gods let us choose our weapons.”
My father pointed to the spear, and then to my mother’s tears.
I made my choice long ago.

Mi ha provocato la sindrome degli occhi dolci per un po’, non ho potuto farci niente. A prescindere dai feels con la pala direi che la presentazione delle tre indomite Dorniane è stata illuminante sulla piega che potrebbe prendere questa stagione. In fondo, però, noi che ci beiamo delle serie dell’HBO di sangue non ne abbiamo mai abbastanza!

Premetto che ci sarebbe una terza scena feels, quella tra Stannis e la figlia MA visto che non voglio che i miei lettori si disperino troppo vi lascio qui soltanto il dialogo, giusto per farvi capire l’antifona: chi vuole la cerchi e pianga privatamente, grazie. :(

Shireen: Ti vergogni di me, padre?
Stannis: Quando eri appena nata .. Un commerciante dorniano approdò a Roccia del Drago. I suoi prodotti erano spazzatura, eccetto una bambola di legno .. Aveva anche un vestito dei colori della nostra casa. Sicuramente aveva sentito della tua nascita e aveva pensato che il padre fosse un facile bersaglio. Ricordo ancora il tuo sorriso quando misi la bambola sulla tua culla e te la premesti contro la guancia. Ma arrivammo tardi a bruciare la bambola. Mi fu detto che saresti morta. O peggio .. Che la malattia ti avrebbe ucciso lentamente. Saresti vissuta giusto il tempo di conoscere il mondo, prima che ti portasse via da me. Tutti mi consigliarono di portarti alle rovine di Valirya per vivere la tua breve esistenza con gli uomini di pietra, prima che la malattia si diffondesse al castello. Dissi a tutti loro di andare all’inferno. Chiesi aiuto ad ogni specialista al mondo. Ogni guaritore. Ogni speziale. Fermarono la tua malattia e ti salvarono. Perchè tu non appartieni a quei dannati Uomini di Pietra. Tu sei la principessa Shireen di casa Baratheon. E sei mia figlia.

3 – For the Khaleesi! :
La madre dei draghi sta combinando un casino dietro l’altro: Meereen è in rivolta, i figli dell’arpia continuano a mietere vittime come se non ci fosse un domani, lei si rifiuta di seguire le tradizioni del posto e aprire le fosse di combattenti perché le considera selvagge (detto da una Dothraki acquisita fa anche un po’ ridere) e dopo il rifiuto di obbedienza dei suoi animaletti da compagnia il trono di spade sembra un obiettivo ancora lontanissimo. Fortunatamente accanto a lei rimangono ancora gli immacolati con a capo Verme Grigio, i secondi figli di Daario e Barristan Selmy, miglior cavaliere di tutta Westeros, in my opinion. Nell’ultima puntata però, i cattivoni mascherati di Meereen riescono a tendere una trappola ai guerrieri senza macchia, senza paura e senza organi genitali al servizio di Daenerys; si, mi sto ancora chiedendo come sia possibile che l’esercito addestrato meglio di tutto il mondo di GOT si sia fatto fregare da un po’ di giustizieri mascherati. Ad ogni modo: lo scontro è serrato, Verme Grigio si difende bene e riesce ad uccidere ben 12 nemici (immagino soltanto la felicità di chi ha schierato il killer bomber al fantagot) ma alla fine viene brutalmente pugnalato alle costole. In una scena dallo stampo vagamente hollywoodiano vediamo Barristan correre in suo aiuto, e accidenti quanti ne ammazzano. Non abbastanza, comunque. Il vecchio uomo d’onore viene colpito dritto al petto e portato ad inginocchiarsi dal dolore e, proprio mentre l’ultimo mascherato sta per sgozzarlo, l’eunuco impavido riesce a salvargli la vita. Oppure no? Lo scopriremo solo nella quinta puntata ma direi che come scena epica ci siamo, mi sono gasata sufficientemente da saltare sul divano urlando e strepitando: NOOO NON MORIREEEEE! Questo spezzone lascia parecchi dubbi sulla continuazione della storia, comunque dovesse finire mi ritengo soddisfatta per la rappresentazione tanto entusiasmante di un combattimento impari e sleale. Lascio a voi la parola anche se, considerata la veneranda età del nostro Barristan, ho seri dubbi in merito ad un lieto fine.

Aurevoir e Valar Morghulis.

Annunci

2 pensieri su “Ossessioni Seriali #3 | High rank – GOT (5×04)

  1. Io non avrei messo la scena delle Vipere, che personalmente ho trovato sì importante, ma non memorabile. Per il resto la scena di Jon Snow è bellissima (il “povero” Kit Harington avrà trascorso del tempo da solo dopo le riprese, ne sono sicuro), e quella del combattimento anche di più. Ottime scelte!

    1. Grazie! In realtà quella delle vipere l’ho messa per una questione di gradimento personale, lo ammetto. Mi sono proprio commossa al solo ricordo del grande e compianto Oberyn Martell ç_ç Ad ogni modo sono d’accordo con te per quanto riguarda Kit, non dev’essere stato facile dire di no alla bella Carice :P Quella di Barristan e Verme Grigio m’ha steso proprio XD

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...